info@villaeustachio.com / +39 339 4182233

Passaggi segreti – Itinerario

Dalla piazza principale di Scala, che raggiungiamo con il bus Sita, ci incamminiamo lungo la strada rotabile provinciale per raggiungere Minuta, una delle frazioni del più antico comune della Costiera amalfitana.

Nelle immediate vicinanze una presenza preziosa: la chiesa dell’Annunziata o Santa Maria di Minuta, uno degli edifici romanici più interessanti dell’intera Costiera. Successivamente, lungo una scala in discesa, incrociamo l’ingresso di un’altra realtà di grandissimo pregio, la basilica di Sant’Eustachio. Risalente al XIII secolo la basilica era un tempo uno degli edifici religiosi più belli e importanti dell’intero territorio. Dalla piazzetta di Pontone, poco distante, anch’essa frazione di Scala e conosciuta per essere il punto di partenza più comodo per la Valle delle Ferriere, ammiriamo la rete dei terrazzamenti che ricopre le colline di fronte a noi.

Ripreso il cammino superiamo, dopo una breve discesa, un bivio il cui sentiero di destra, via Monte, conduce, tra giardini e casolari, al cancello di accesso al Castrum Scalelle sul Monte Aureo mentre quello a sinistra, via Speruto che scegliamo, porta ad Atrani attraverso un viottolo costituito da una lunga scala e brevi tratti in falsopiano. Durante la discesa superiamo aree naturali occupate da macchia mediterranea e bosco misto, muri a secco e vecchi cancelli a tutela di limoneti e vigneti, molti dei quali, purtroppo, in stato di abbandono, fino a giungere al corso del Dragone il cui alveo valichiamo su un agile ponticello.

Costeggiando il bordo orientale della Valle del Dragone scendiamo, lungo via Fiume, fino ad un’altra tappa del nostro itinerario: la chiesetta di S. Michele Arcangelo. La piccola cappella, situata in una grotta naturale alla base del monte Maggiore o Aureo, è forse la chiesa più antica di Atrani, databile tra l’XI e XII secolo. Chiamata anche “ camposantino” perché utilizzata come cimitero fino al 1927, la minuscola chiesa esprime un suo silenzioso fascino fatto di spazi ridotti, di lapidi consumate dal tempo, di atmosfera raccolta.

 

 

unescocostadamalfi

Related articles

Goditi la bellezza della natura

Fuggi dalla folla sulla costa amalfitana e goditi le bellezze naturali e la vita semplice nella piccola città di scala. Pur non essendo uno dei […]

Learn More

Scala incontra New York – Settembre 2019

E’ tutto pronto per la XVI edizione di “Scala incontra New York”, la rassegna culturale internazionale che si terrà da domani venerdì 7 a lunedì […]

Learn More

Scala Sound-Trek – la rassegna

Dopo il successo della prima edizione, torna Sound-Trek, la rassegna musicale estiva di Scala. Dall’unione dei termini “sound” (suono), della natura, della parola, di uno […]

Learn More
Chat!
Hello,
Can we help you?