info@villaeustachio.com / +39 339 4182233

Il Vallone delle Ferriere

Alle spalle di Amalfi, un bosco di felci attraversato da ruscelli….

Il Vallone delle Ferriere è un percorso che dai Monti Lattari discende verso Amalfi attraversando boschi di felci e costeggiando ruscelli. Il nome deriva dalla presenza di ruderi di ferriere di origine medievale.

La zona è anche conosciuta come Vallone dei Mulini per la presenza nella parte finale del percorso di mulini azionati ad acqua che servivano per la produzione della famosa carta di Amalfi.

Dove imboccare il Vallone delle Ferriere

Il punto di partenza del percorso è il borgo di Pontone, una piccola frazione di Scala, a 225 metri sul livello del mare. Per raggiungerlo si può prendere uno degli autobus della Sita che collegano Amalfi a Ravello e Scala.

Non tutti gli autobus deviano per Pontone: in questo caso potrete in ogni caso raggiungere Pontone a piedi partendo da Ravello o da Scala attraverso stradine facili e piacevoli.

Percorrere il Vallone delle Ferriere

Dalla piazza principale di Pontone percorrete la mulattiera che passa davanti alla Trattoria Antico Borgo seguendo il percorso principale (a destra vedrete delle scalinate ripide).

Superate un arco, sulla sinistra vi imbatterete in un originale presepe ambientato in una casa contadina con spaventapasseri e arredi casalinghi.

Subito dopo, sulla sinistra, comincia una lunga scalinata che porta verso Amalfi. Voi, invece, proseguite verso l’interno della valle, scendete pochi gradini e avviatevi per la piccola salita tra limoni e vigneti.
Dopo la salita comincia un sentiero che conduce fino ad un acquedotto, oltrepassato questo, dopo pochi metri scendete a sinistra.
Raggiungerete la prima ferriera e il Torrente Canneto. Il sentiero in discesa vi condurrà direttamente ad Amalfi costeggiando il torrente e passando attraverso i ruderi di ferriere e mulini.

Prima di cominciare la discesa però potete fare una deviazione per raggiungere la Riserva Integraledove crescono gli ultimi esemplari della Woodwardia radicans, una felce risalente all’epoca delle glaciazioni, che qua sopravvive ancora grazie al particolare tipo di ambiente fresco e umido.
La deviazione è breve ma impegnativa: da sconsigliare se non siete in buona forma fisica o avete dei bambini con voi.
Per raggiungere la Riserva oltrepassate il torrente passando su un tronco di legno messo a mo’ di ponte e percorrete un piccolo sentiero in salita che porta alle due chiuse che preludono alla recinzione della Riserva.

Related articles

Goditi la bellezza della natura

Fuggi dalla folla sulla costa amalfitana e goditi le bellezze naturali e la vita semplice nella piccola città di scala. Pur non essendo uno dei […]

Learn More

Scala incontra New York – Settembre 2019

E’ tutto pronto per la XVI edizione di “Scala incontra New York”, la rassegna culturale internazionale che si terrà da domani venerdì 7 a lunedì […]

Learn More

Il vino e la Costa d’Amalfi

La regione Campania ha sempre avuto una forte tradizione del vino. Diverse le zone di produzione vinicola, ognuna di esse con un’offerta variegata: Aglianico, Falanghina, […]

Learn More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.